INCONTRO CON I CONSIGLIERI REGIONALI

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Stamane, 8 ottobre, una delegazione del Comitato Ridatecilteatro si è incontrata con i consiglieri regionali eletti da Alessandria.

All’incontro esteso ai quattro rappresentanti regionali erano presenti i Consiglieri Formagnana e Muliere.  L’Assessore Cavallera aveva comunicato e motivato la sua assenza per impegni in giunta e così anche il Consigliere Botta impegnato a Casale al convegno nazionale sul mesotelioma.

I due consiglieri presenti si sono impegnati ad informare i loro colleghi sui contenuti dell’incontro.

Il comitato ha espresso le sue più forti preoccupazioni riguardanti  una ventilata ipotesi di volontà da parte di Regione Piemonte di uscire dalla Fondazione  TRA e riguardo a ciò ha chiesto ai rappresentanti regionali un loro impegno per una verifica celere, anche in virtù della sorte che avranno gli attuali 15 dipendenti dell’ente, la cui cassa integrazione scade a giorni.

Sono stati quindi affrontati i nodi economici  che si possono riassumere, per quanto attiene  Regione Piemonte, con lo stanziamento 2011 non ancora saldato e l’impegno economico per il 2012. Questo aspetto è di grande importanza per la sopravvivenza del teatro e deve essere salvaguardato anche in conto ad un’ eventuale modifica dell’attuale assetto istituzionale del TRA.

E’ stato sottolineato da parte del comitato come l’impoverimento culturale della città,con la chiusura del teatro, sia un fatto visibile e già in atto. Questo deve spingere le istituzioni locali e anche la Regione ad occuparsi in modo evidente e chiaro sulla sorte del nostro teatro.

Altra forte preoccupazione  per il comitato è, ovviamente, lo stato “fisico” dell’edificio: certamente si tratta di portare a termine la bonifica, ma  c’è anche il suo riadeguamento e riallestimento…..e anche l’impianto di riscaldamento e aerazione , ora totalmente mancanti. Questi fatti, non secondari ,sono stati portati all’attenzione dei nostri rappresentanti regionali chiedendo loro di verificare se possono essere possibili finanziamenti per e  sulla struttura che necessità di lavori fondamentali per la  riapertura totale dell’edificio che non deve essere sottratto alla città.

L’attenzione dei due consiglieri si è subito espressa con l’impegno di chiedere immediatamente un incontro con l’assessore regionale Coppola per conoscere la volontà della giunte circa la sorte del TRA  ( ricordiamo che Regione Piemonte deve nominare il suo nuovo rappresentante nel c.d.a. della Fondazione) e sollecitare il saldo del finanziamento 2011. Il consigliere Muliere ha ricordato che il Consiglio Regionale aveva impegnato la giunta,  a  stanziare una parte delle somme Irpef nel settore cultura e quindi questa sarà un’altra verifica che si sono impegnati a svolgere, coinvolgendo anche il collega Botta e l’assessore Cavallera.

L’incontro si è concluso con la constatazione ”corale“ dei rappresentanti del comitato e dei due consiglieri regionali, che perdere posti di lavoro nell’ambito del settore teatrale è un impoverimento per il lavoratore, la sua famiglia ma anche per la vita del teatro in città, quindi una perdita anche sociale. Il teatro di Alessandria è parte della storia del dopoguerra della nostra comunità e anche parte della sua identità e non si può/deve accettare una rinuncia così gravosa.

Infine non è vero che si può improvvisare la cultura: deve esserci sempre un progetto per quanto piccolo: gli eventi sono benvenuti, le espressioni culturali anche ma quello che la città ha bisogno, ora più che mai, è decidere del suo prossimo futuro con razionalità e una sana voglia di essere adeguata anche culturalmente  al nuovo che arriva.

Il nostro prossimo appuntamento, come comitato, è l’incontro con il Sindaco e la giunta del comune di Alessandria.

Il Comitato Ridatecilteatro

Alessandria, 8 Ottobre 2012