Avventura tragicomica in commissione ambiente

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Da Alessandrianews.it, Alessandria, 09/12/2011

Avventura tragicomica, più tragica che comica, di una cittadina che, sperando di avere informazioni dettagliate e di prima mano su un problema che le sta a cuore: bonifica e futuro del teatro comunale, decide di essere presente, come uditrice, nella sala consigliare del municipio alla Commissione- ambiente, lunedì 5 dicembre alle ore 11.
Viene autorizzata, non dai rappresentanti della minoranza, a sedere negli ultimi banchi, nonostante la più volte dichiarata disponibilità a prendere posto là dove previsto dal regolamento.
Autorizzazione interpretata come atto di gentilezza nei confronti di una signora di una certa età.
Dopo la relazione del Sindaco, improvvisamente, il Presidente della commissione contesta la presenza in aula di una estranea in una postazione non consentita. A parte l'iter, prima descritto, che ha portato a tale posizionamento, risultano, secondo il buon senso comune, incomprensibili  l'importanza e il tempo dedicati a una questione di tale natura; così la discussione e la votazione che seguono.
I consiglieri di minoranza, tranne Paolo Bellotti e Paolo Berta abbandonano l'aula per protesta, per solidarietà.
Se di solidarietà si tratta è molto apprezzata, ma lo sarebbe ancora di più se unita all'opportunità, vista l'insoddisfacente relazione del Sindaco, che non aggiunge nulla a quanto pubblicato dalla Stampa, di avere dettagliate, precise risposte ad altrettante precise domande, di avere insomma informazioni.
Quella di avere informazioni è l'unica, del resto da un anno a questa parte insistentemente reiterata, motivazione (e non altre come inopportunamente insinua il consigliere Bocchio: premeditata provocazione, accidiosa rivalsa per torti subiti).
L'unica  motivazione che ha spinto un'incauta cittadina, una tarda mattinata di un lunedì ... non da leoni, di un lunedì qualsiasi, ad esercitare un suo diritto: partecipare ad una pubblica commissione indetta da una pubblica istituzione della sua città.

Piera Lora Rosi - Comitato Ridatecilteatro